jump to navigation

The words of a Man of honour: Zahi Hawass 5 February 2011

Posted by seshatblog in Comunicazioni, Personale.
add a comment

I would disclose fully the writing of Prof. Zahi Hawass, our friend, to stop bad report on Egypt, a country that we love so much.We feel in mourning. The pain is the same feeling when dies a relative, a dear person. We do not have lifeblood, we feel emptied and we have the heart heavy. But despite everything we believe that this wave of Chaos can be removed by Maat. Isefet, the devil,  will not prevail never, at least not here.

He wrote:

The State of Egyptian Antiquities- 4 February 2011

Today is a new day, but there are still marches in the streets of Cairo. I am personally very sad for my country. I cannot believe the devastation that has happened in the streets, and that so much has stopped in the last 11 days. We have lost so much, and I do not understand how this could be. It is like a dream for me. I have come into this new position at a very critical time, but the most important thing about this is that for the first time in history Egypt has a Ministry of Antiquities. The reason that this has never happened before was because archaeology was considered a minor thing. Previously, the Supreme Council of Antiquities (SCA) had fallen under the ministries of education, tourism, and, most recently, culture. Now, I am happy to say that there is a Ministry of Antiquities that is separate from the Ministry of Culture.  

When I was appointed as the Secretary General of the SCA in 2002, I could do a lot more than I was able to before. I could bring billions of dollars to my country through archaeology. I had a made plan in my mind in 1969, when I was an antiquities inspector at Tuna Gebel. Throughout the course of my life, I was able to follow most of this plan, but today, and for the last 10 days, I cannot think. I have not written one word on any archaeological topics because looking at what has happened to my country, I feel sad. Egypt is my life. I cannot leave the country and live in any other part of the world. I want to die in the sands of Egypt. The most important aspect of my life is to protect my antiquities, and I was astonished to hear all of the rumors about Egypt’s antiquities. I am very concerned that several members of the archaeological community have not called me directly to confirm what the rumors they have heard.

What is strange is that from the very beginning of the trouble, when the Internet was off, I was still able to send a daily report to my website, www.drhawass.com. These reports were sent by fax to Italy to enable them to be posted on my website for everyone read, therefore I cannot understand why the rumors still spread. This makes me very upset because we, the Egyptian people, defended the monuments! The most important thing everyone needs to know is that the people in the streets defended the museums, monuments, and sites. When I came into work today, I had to pass through a checkpoint. When the men in the Popular Committees running the checkpoint saw me, they asked, “Sir, how is the museum?” These men may not know how to read or write, but they are worried about their cultural heritage.

From the first day of protests, I have had an operation room running 24 hours in my Zamalek office. This operation room is connected by telephone with every museum and site in Egypt: Jewish synagogues, Coptic monasteries, Muslim mosques, and ancient Pharaonic, Greek, and Roman sites. We have been producing detailed reports daily. I hope that people all over the world will read my statements and not listen to rumors.

Many people have been saying that Saqqara was looted and it is not true. If anything had happened there, the operation room in Zamalek would have called me immediately and reported what happened. I hope that you will all read each of the statements I have released on my website that say all our sites are safe. The army, curators, antiquities inspectors, and security guards guarded the important sites. As I have said everyday, the only two incidents that have occurred are the break-in at the Egyptian Museum, Cairo, and the break-in at the storage magazine in Qantara East, in the Sinai. 

As I have already stated, nothing was stolen from the museum; 70 objects were damaged but can be restored. Unfortunately, we cannot restore them now, as we had hoped, because the museum is closed and surrounded by the commanders of the army. The curators are stationed in the control room, and the cameras in the control room can see outside and inside of the museum. We are thankful for all of the offers of help that we have received, but the conservation lab of the EMC can do this easily and beautifully. Egyptians have completed restoration work before this black week began, and we will continue our work when this time passes.  

Yesterday, I received a report from Mohamed Abdel Maksoud, the general director of Lower Egypt, that 288 objects stolen from the storage magazine in Qantara East in the Sinai have been returned. He also confirmed that these objects and statues constitute everything that was taken. Of course, the final word can only come when things are calm, and the storage magazine can be subjected to a full inventory. I am confident, however, based on the report, that the 288 objects do make up the total of all of the stolen ones. 

The people who are in Europe and America are concerned about Egypt, but what is import to remember is that rumors can be very damaging. These people do not understand our feelings as Egyptians; when I come to Zamalek everyday and when I go to Saqqara, Giza, or the Egyptian Museum, or when call Luxor, Aswan, or the other sites outside of Cairo, it is very stressful. I have young people working and helping in my office 24 hours a day. I have two brave young ladies working for me: Stephanie from America and Beth from Britain. These ladies have been working, with some of my Egyptian assistants and employees, in the office everyday since the protests started, and they are typing up many reports in Arabic and English for me. Stephanie and Beth have decided not to leave Egypt.

I hope that my reports will help you all to feel calm. Each of of my daily reports have been posted on my website, drhawass.com, and the SCA website, http://www.sca-egypt.org/eng/MR_PR.htm. You all know me, if anything happens I will report it right away. Again, and again, and again I tell you that the monuments of Egypt are safe. Mrs. Irina Bokova, Director General of UNESCO, called me twice yesterday and I gave her the full report that I wrote today, and sent her all the previous reports that I have written; she was so happy to receive the good news. Francesco Bandarin, the director of the UNESCO World Heritage Center, called and was also happy to hear good news. I would like to thank National Geographic, CIPEG, and Blue Shield, for offering words of support as well

We all pray for Egypt!!! 31 January 2011

Posted by seshatblog in Comunicazioni, Letture, Personale.
add a comment

There are days in our life we want forget, sometimes some happens and we can’t believe because it’s over our imagination. But from time to time the reality is so shocking that seems a movie.

Last 25th January I was incredulous seeing in TV what was happen in Cairo especially in places that I know very well, as my own: Tahrir Square, Egyptian Museum, Cornish el-Nil, Sharia Qasr el –Ayni and so on… The first thing that make me feel skeptical were images showing a Cairo badly, I thought it was a city back to me more than 25 years ago, when just teenagers I was studied there. At that time was difficult to find anything: food, dresses, books and so on. My mind contrariwise have now others images of the Egyptian capital, more modern than what I saw in TV.

 In second place even I am not entering in political topic, but as I believe in freedom I must say, is that their President did a lot and I saw year by year growing the country in building popular houses, improving transports, cleaning the city, organizing cultural events, opening new libraries, new bookstore and cultural centers. What about the archaeological sites and theatres and Museums in order to valorize the Egyptian heritage, that is a treasure for the entire world, it’s our heritage. And what about the strong action did abroad in order to promote tourism, that means money for all the Egyptian working in it, that are a lot, considering hotels workers, drivers, travel agents, guides and so on. What about books that Egypt was printing by signature of Zahi Hawass translated in all world’s most important languages that divulgate their history and arts?

As archaeologist I must say that I was disgusted to see damaged founds in the Museum in Tahrir and some founds stolen in depots all over the country, because this is not concerning with the request of rights of the Egyptians . This is just a criminal action, as the looting of the houses and shops. I hope nothing will happen in Egypt like it was for the Baghdad Museum in Iraq, not just for my egoism but for the future generations. Consider as I said.

“If”, and sun is shining in Cairo… dedicated to Zahi Hawass, new Minister of Culture 31 January 2011

Posted by seshatblog in Comunicazioni, Letture, Personale.
add a comment

‘If’ by Rudyard Kipling

If you can keep your head when all about you
Are losing theirs and blaming it on you,
If you can trust yourself when all men doubt you,
But make allowance for their doubting too;
If you can wait and not be tired by waiting,
Or being lied about, don’t deal in lies,
Or being hated, don’t give way to hating,
And yet don’t look too good, nor talk too wise:

If you can dream – and not make dreams your master,
If you can think – and not make thoughts your aim;
If you can meet with Triumph and Disaster
And treat those two impostors just the same;
If you can bear to hear the truth you’ve spoken
Twisted by knaves to make a trap for fools,
Or watch the things you gave your life to, broken,
And stoop and build ’em up with worn-out tools:

If you can make one heap of all your winnings
And risk it all on one turn of pitch-and-toss,
And lose, and start again at your beginnings
And never breath a word about your loss;
If you can force your heart and nerve and sinew
To serve your turn long after they are gone,
And so hold on when there is nothing in you
Except the Will which says to them: “Hold on!”

If you can talk with crowds and keep your virtue,
Or walk with kings – nor lose the common touch,
If neither foes nor loving friends can hurt you,
If all men count with you, but none too much;
If you can fill the unforgiving minute
With sixty seconds’ worth of distance run,
Yours is the Earth and everything that’s in it,
And – which is more – you’ll be a Man, my son!

Rudyard Kipling (1865-1936)

to be continued…

Congratulation, we all are beside You!

Always and forever and ever because our soul was cry.

C130 l’aereo che lo ha riportato in patria. 1 March 2010

Posted by seshatblog in 1, Comunicazioni, Personale.
add a comment

Oggi, su un roboante C130, che ha solcato i cieli dall’Afghanistan al Mediterraneo passando per Abu Dhabi  è giunto Piero Antonio Colazzo, il nostro Piero.

 A te, che amavi tanto Jacques Prevert dedico …la tua preferita 

per sempre!

Pietro Antonio Colazzo è morto a Kabul. Memoria del divenire (2) 27 February 2010

Posted by seshatblog in Comunicazioni, Personale.
1 comment so far

Pietro Antonio Colazzo al termine della seduta di laurea conseguita a Torino nel febbraio 1987

Ieri mattina la notizia della morte di Pietro Antonio Colazzo  mi è giunta come una saetta, netta, folgorante. Di lui i ricordi si accavallano e sento il bisogno di parlare per poter digerire una notizia tanto nefasta.

Dopo la laurea Piero si fermò a Roma, a termine del servizio militare, il lavoro scarseggiava e seppure le sue doti nella linguistica semitica fossero senza eguali, non c’era posto negli Atenei, che talento sprecato! Io lo incontravo quando lavorava alla Difesa perchè colà frequentavo  un corso di dottorato, ed ogni volta che ci vedevamo era un entusiasmarsi  ancora per semplici versi, per la semantica, la filologia, cumuli di libri di linguistica erano sparsi ovunque nel suo appartamento. Capii che lavoro aveva iniziato a svolgere e sebbene non parlasse, i suoi occhi verdi e profondi come il mare del Salento, che tanto adorava, comunicavano ogni sentimento ed emozione.

Mi chiamò l’ultima volta circa due anni fa dicendo che sarebbe partito per una missione delicata, che non ci saremmo sentiti per un po’…

Mi scrisse una breve poesia al tempo in cui eravamo in Egitto

“Ti attendo, come un autobus a Tahrir…in corsa”

La memoria del divenire. Pietro Antonio Colazzo ergo: Piero (1) 27 February 2010

Posted by seshatblog in Comunicazioni, Personale.
14 comments

Collage di foto da Torino all'Egitto

Esistono momenti della nostra  povera esistenza umana che entrano per sempre nel nostro DNA , ci seguono accompagnandoci per tutta la vita, ci distinguono, e sono sempre vivi e vicini abbattendo confini spazio-temporali. Ed eccomi entrare alle nove del  mattino in un’aula dell’Università di Lettere di Torino- dipartimento di orientalistica- Lezione di arabo. I banchi sono disposti a ferro di cavallo, e una trentina di persone mal contate siede attenta copiando i segni svolazzanti tracciati alla lavagna con calma dal docente il Prof. Federico Peirone. Io sono in seconda fila e ciò che vedo è ormai familiare da qualche mese, è semplice, naturale. I mormorii al termine sono del tipo: non fa per noi. Seconda lezione, gli studenti si sono ridotti a circa dieci. Terza lezione siamo pochi: Gutermann, De Benedetti, Pappalardo, Dolatshai,Colazzo e Mazzanti. Avrei poi scoperto che i primi tre avevano già frequentato l’ anno precedente, una  iraniana proveniente da Roma, ma quelli effettivamente “nuovi” eravamo  solo Piero ed io. Scambio rituale di  indirizzi perchè scopriamo di possedere la stessa passione per lo studio, la stessa sensibilità, una dimestichezza  unica  nella comprensione, nella scrittura e nella pronuncia dell’arabo che tutti i corsisti, anche quelli quadriennali ci invidiano.

 Da quel momento saremo sempre insieme. Ho letto da qualche parte nelle news, che da ieri si rincorrono sul internet, che hai studiato all’Orientale di Napoli, ma non è vero, non sanno di te che hai calcato il suolo piemontese e ti sei formato con docenti  ( Fabrizio Pennacchietti, Federico Peirone, Ayyad al -Abbar) che sono stati per noi stimoli infiniti di conoscenza, che hanno saputo trasformare  in una ferma realtà i sogni. Ogni volta uscivamo sempre più tardi dall’Ateneo con i volti trasfigurati ed appagati per le conquiste raggiunte…

Caro Piero, ricordi la preparazione per gli esami, le discussioni filologiche con il Prof. Fabrizio Pennacchietti? Le nostre paure, le speranze dei nostri primi giorni d’ Università? Ingurgitavamo libri con la stessa facilità con cui si beve un bicchiere d’acqua, ma quella fonte  non ci dissetava a sufficienza: allora ci tuffavamo sempre più incessantemente nella ricerca. Gli  anni univeristari  a Torino volarono in fretta. Tu avevi contaminato me con le tue follie filologiche, ed io te con le mie pazzie archeologiche. Che fare? Il tempo non si poteva fermare, ma noi avevamo pensato di ingannarlo brevemente. Partecipammo alla selezione per le borse di studio del Ministero per gli Affari Esteri: vincitori, destinazione Egitto. Avremmo studiato ancora un anno insieme sulle sponde del Nilo per preparare la Tesi e mai pensavamo di vivere avventure indicibili che forse varrà la pena di narrare perchè bisogna che si sappia come si formano i Grandi Spiriti.

Ricordo che tu partisti da Roma per il Cairo agli inizi di dicembre del 1985 ed io ti raggiunsi partendo da Milano circa quindici giorni dopo. Ricordo la prima bevanda sorseggiata all’Ibis Cafè dello storico Hotel Nile Hilton, che come te sta subendo una trasformazione (diventerà il Nile Carlton Ritz 7 *), era una Coca-Cola ed erano all’incirca le 3,30 del mattino. C’eravamo solo noi sprofondati nei divanetti di velluto amaranto attorniati da esotiche stilizzazioni lignee di fiori di loto. Ti rammentai le raccomandazioni di tuo padre e tu facesti lo stesso con quelle di mia madre. Una strana euforia ci impedì però di chiudere occhio per tutta la notte, come è capitato a me questa notte dopo la notizia appresa ieri mattina da un servizio di Studio Aperto: sei morto, solo che oggi non è gioia ciò che mi ha tenuto sveglia, ma un profondo dolore fisico. Amavi le poesie e Freddy, il nostro mitico  Prof. Federico Peirone, ci introdusse un autore che adoravi Khalil Gibran, sarebbe anche il tuo pensiero, erano le parole di commiato del Profeta…

…Addio, popolo d’Orfalese.
Questo giorno è finito.
Si chiude su di noi come il giglio acquatico sul suo domani.
Serberemo quello che qui ci è stato donato,
E se non sarà sufficiente,
ci ricongiungeremo per tendere ancora le mani verso colui che dà.
Tornerò a voi, non dimenticatemi.
Sarà tra breve,
e il mio anelito raccoglierà polvere e saliva per un altro corpo.
Sarà tra breve,
un attimo di calma nel vento e un’altra donna mi partorirà.

Addio a voi e alla giovinezza trascorsa con voi.
Appena ieri ci incontrammo.
Voi avete cantato per me nella mia solitudine
e io ho costruito una torre nel cielo con i vostri desideri.
Ma ora il nostro sogno è finito,
è volato via il sonno e non è più l’alba.
Il mattino volge al termine,
il nostro dormiveglia si è trasformato nella pienezza del giorno,
e dobbiamo separarci.
Se ancora una volta ci incontreremo nel crepuscolo della memoria,
parleremo nuovamente insieme,
e il canto che voi intonerete sarà allora più profondo.
E se le nostre mani si toccheranno in un altro sogno,
costruiremo un’altra torre nel cielo…

Ho ripensato alla frequentazione della scuola Madrasat el Orman, all’Università di Giza e Ayn Shams, ai compagni di ogni nazionalità, alle nostre spaghettate, al viaggio in treno fino ad Aswan. Cantavi  come un usignolo, declamavi e scrivevi poesie, adoravi i fiori e tutte le piccole cose, ma eri temerario . Ricordi?  Ricordi quando dopo tre giorni dal mio arrivo io insistetti per anadare a vedere le piramidi e tu mi rincorrevi per strada dicendo” Non siamo in grado di capire ciò che dicono, abbiamo studiato l’arabo classico e qui parlano il dialetto, non sappiamo dove andare!” .Io mi ostinai a voler raggiungere comunque a piedi, in una giornata uggiosa, Giza. Impiegammo 6 ore per arrivare al loro cospetto ed era già buio pesto, dopo un percorso travagliato sotto la pioggia,  tu fosti scaraventato in mezzo alla strada da una scossa elettrica causata da un palo della luce i cui fili erano scoperti,  fu sufficiente che tu ti avvicinasti  con gli indumenti umidi perchè una botta ti stendesse per terra. Che paura!  Il buio della notte fu rischiarato però dalle luci di un aereo che, volando a bassa quota, illuminò le nuvole cineree e come un fantasma comparve davanti a noi lo ieratico viso di Abu el Hol, il padre del terrore, la Sfinge. Dietro di lei lampeggiarono le sagome delle piramidi… un taxista ci urlò qualcosa di incomprensibile, dapprima scappammo, poi   accettammo il passaggio e scoprimmo che dialogare era difficile, ma non impossibile.  Ricordo come l’esperienza egiziana ci fece balzare dal mondo dei sogni alla realtà, scoprimmo che la cifra della borsa di studio non era sufficente a coprire tutte le spese di un costoso soggiorno in Egitto, ed allora: panico. Le nostre famiglie con grandi sacrifici ci supportarono, tuttavvia noi ci ingegnammo: tu a cantare all’Hotel Marriott di Zamalek, dove abbiamo abitato in Sharia Ismail Mohamad, ed io come consulente archeologica di tour operator, o come docente all’Istituto Italiano di Cultura. Con noi abitava Gabriella Campassi.Poi l’esperienza del coprifuoco,  una sorta di rivolta miltare si abbattè sull’Egitto nel febbrario 1986 , udivamo in lontananza  spari e bombardamenti, gli unici contatti erano con i nostri compagni di corso cecoslacchi Petr Zemanek e Zdenek Yezek che, dall’Ambasciata di Giza, ci tenevano informati su ciò che accadeva. Poi ricordo le prime ore di libertà, come folli sconsiderati ci eravamo incamminati verso Giza per vedere il disastro, un silenzio spettrale rotto dai cingoli dei tank, accanto a noi sfilavano  gli elmetti blu delle forze armate egiziane. Scattammo una marea di foto che fu impossibile avere perchè ingenuamente portammo il rullino a sviluppare, ovviamente ci fu riconsegnato tutto annerito…

Caro amico mio, compagno insostituibile così Gibran scrisse

  Allora Almitra parlò dicendo:
Ora vorremmo chiederti della Morte.

E lui disse:
Voi vorreste conoscere il segreto della morte.
Ma come potrete scoprirlo se non cercandolo nel cuore della vita?
Il gufo, i cui occhi notturni sono ciechi al giorno, non può svelare il mistero della luce.
Se davvero volete conoscere lo spirito della morte, spalancate il vostro cuore al corpo della vita.
Poiché la vita e la morte sono una cosa sola, come una sola cosa sono il fiume e il mare.

 Nella profondità dei vostri desideri e speranze, sta la vostra muta conoscenza di ciò che è oltre la vita;
E come i semi sognano sotto la neve, il vostro cuore sogna la primavera.
Confidate nei sogni, poiché in essi si cela la porta dell’eternità.
La vostra paura della morte non è che il tremito del pastore davanti al re che posa la mano su di lui in segno di onore.
In questo suo fremere, il pastore non è forse pieno di gioia poiché porterà l’impronta regale?
E tuttavia non è forse maggiormente assillato dal suo tremito?

 Che cos’è morire, se non stare nudi nel vento e disciogliersi al sole?
E che cos’è emettere l’estremo respiro se non liberarlo dal suo incessante fluire, così che possa risorgere e spaziare libero alla ricerca di Dio?
Solo se berrete al fiume del silenzio, potrete davvero cantare.
E quando avrete raggiunto la vetta del monte, allora incomincerete a salire.
E quando la terra esigerà il vostro corpo, allora danzerete realmente.”

Gli antichi egizi avevano una singolare visione della morte: pensavano che l’essenza di noi mortali fosse divisa in tre elementi il Ka, il Ba e l’Akh. Il primo era una sorta di alter ego, la forza vitale dell’essere, colei che ha bisogno delle offerte funebri per vivere; il Ba era invece uno spirito che, in forma di uccello, poteva entrare ed uscire dalla Duat, l’Aldilà, tornando dai propri cari, presso la propria casa, ed infine  l’Akh  era lo spirito divino che è in ciascuno di noi e che con la morte si sarebbe ricongiunto alla splendida luce divina trasfigurandosi.

Questa notte sono stata attratta dal canto di un usignolo, erano le 3,50. Ciao Piero!

πάντα ῥεῖ …Panta rei os potamòs 29 May 2009

Posted by seshatblog in Personale.
add a comment

image013 Come ogni esperienza tutto passa ed anche la nostra collaborazione per la creazione dello spettacolo “Cleopatra, luce d’Egitto” al Salone del Libro di Torino è terminata.

Sono usciti alcuni articoli sul giornale Popoli news in cui il lo spettacolo  scritto e diretto da Seshat International era descritto anche con belle immagini.

E’ stata un esperienza bella e gratificante per tutto il consiglio direttivo di Seshat International che sta già pensando di replicare il dramma con grande pubblicità per dimostrare quanto siano forti i legami tra l’ Italia e l’Egitto.

IL RISTORANTE DI…HAWASS di Maria Stella Mazzanti 16 April 2009

Posted by seshatblog in Curiosità, Personale.
1 comment so far

Anni fa,veramente tanti, la prima volta che il famoso archeologo Zahi Hawass venne a Torino non fu per vincoli di amicizia , ma semplicemente per partecipare con la delegazione egiziana al Congresso di egittologia che si teneva allora nel capoluogo piemontese. A dire il vero non era molto legato agli egiziani, quanto piuttosto ai suoi gogliardici amici americani della Pensylvania University ed infatti con loro trascorreva molto tempo e si concedeva lunghe serate nei ristoranti scelti dal Comitato organizzatore per accogliere gli oltre mille studiosi che parteciparono all’evento. Uno tra questi è il mitico Delfino Blu p_00011http://www.ristorantedelfinoblu.net/index.php . Fu così che  conobbi Peter, il geniale propetario del più rinomato ristorante di pesce di Torino. Imaparai a conoscere i gusti segreti del Prof. Zahi Hawass e le prelibatezze del Cavaliere Peter Nasri, non c’è volta che il mitico Indiana Jones venga a Torino che non trascorra le serate in allegra compagnia dal Cavaliere Peter. Peter è diventato un amico  e sostenitore dell’Associazione Seshat International che dedica ogni anno un ciclo di conferenze all’Egitto. Da quel momento abbiamo portato i nostri amici come il giornalista Roberto Giacobbo creatore di Voyager, Brando Quilici di National Geographic, Laura Accomazzo della White Star, Mark Linz dell’American University , Eleni Vassilika del Museo Egizio e molti altri che hanno apprezzato la raffinata gentilezza e la squisitezza delle pietanze nonchè la simpatia di Zahi in veste informale. Grazie Peter!

L’AMORE PER LA CONOSCENZA: LA BIBLIOTECA ALEXANDRINA 13 April 2009

Posted by seshatblog in Comunicazioni, Personale, Presentazione, Ricerche e Studi.
add a comment

alex52000 anni fa, la Bibliotheca Alexandrina fu punto d’incontro per i più grandi pensatori e studiosi di tutti i tempi, che giungevano in questo paradiso intellettuale per insegnare, imparare, creare. Altri furono così grandi progettisti la cui impronta sopravvive ancora. Qualunque fu la ragione della sua scomparsa, resta il fatto che il Governo egiziano, l’UNESCO, l’UNDP hanno desiderato ricostruire la Biblioteca di Alessandria, che c’illumina come un faro sul sentiero della conoscenza. Così dal 1986 sono state posizionate molte pietre miliari. Sgorgando dalla profondità dell’Africa il languido flusso del Nilo ha attraversato territori deserti per provvedere all’acqua della vita, garantendo la stabilità dei cicli ricorrenti e la silenziosa eredità dei milioni di anni. Il nobile Nilo ha offerto il suo dono alla civilizzazione dell’Egitto per amore della vita, della bellezza e conoscenza.

Egitto! Egitto il grande  e baldanzoso, una meta per l’amore della vita, della bellezza, della ricerca della conoscenza.

Esiste forse qualcuno che non ha sentito parlare della grandezza e potenza di Ramesse ad Abu Simbel? Per soddisfare il desiderio del Governo Egiziano e come dono al mondo è rinata la Bibliotheca Alexandrina. La comunità internazionale ha offerto il suo supporto tecnico e finanziario per far rivivere questo simbolo di luce universale e luogo d’incontro privilegiato a favore dell’umanità alla ricerca di conoscenza e verità.

Esiste forse qualcuno che non ha sentito parlare della grandezza e potenza di Ramesse ad Abu Simbel? Per soddisfare il desiderio del Governo Egiziano e come dono al mondo è rinata la Bibliotheca Alexandrina. La comunità internazionale ha offerto il suo supporto tecnico e finanziario per far rivivere questo simbolo di luce universale e luogo d’incontro privilegiato a favore dell’umanità alla ricerca di conoscenza e verità

ZAHI HAWASS PRECURSORE DI INDIANA JONES 8 April 2009

Posted by seshatblog in Curiosità, Personale.
8 comments

pic_zahi_hawassQuando anni or sono, vidi Zahi Hawass, in un film americano di second’ordine, non era ancora stato prodotto il Film di Indiana Jones di Lucas. Ricordo che mi ero da poco laureata, era una domenica pomeriggio e distrattamente gurdando un film ambientato in Egitto che apparentemente non aveva nulla a che fare con l’archeologia. Improvvisamente i due ragazzi protagonisti finirono dal bazar del Khan el-Khalili direttamente all’area di Giza e la trama si animò. La mia attenzione allora fu attratta dalle riprese dell’area archeologica e lui, Zahi Hawass, interpretava  se stesso: era nel suo famigerato ufficio all’ombra delle piramidi. Sorrisi perchè pareva disinvolto, ma si notava un certo imbarazzo, in quanto in quegli anni non era ancora il famoso relatore e difensore dell’Egitto di oggi, acclamato dalle persone di tutto il mondo. Lo conoscevo bene, ma  non avrei mai immaginato che proprio il suo Fedora (cappello) sarebbe diventato, con buon aiuto degli amici americani, il simbolo dell’archeologo per eccellenza impersonato, qualche anno dopo, da Harrison Ford nel fortunatissimo film “Indiana Jones”. Maria Stella Mazzanti